Il Consorzio Chianti Colli Fiorentini


Riconosciuta e delimitata nel 1932, la Docg Chianti Colli Fiorentini comprende 18 Comuni, tra i quali Firenze, e come tutte le specificazioni geografiche del Chianti prevede condizioni produttive severe, per preservare le qualità di eccellenza di un vino che da secoli è noto e apprezzato.

Evoluzione del Consorzio negli anni:
• 1932 Legge Dalmasso con delimitazioni Chianti e zone specifiche.
• 1994 Fondazione del Consorzio Chianti Colli Fiorentini.
• 2004 Riconoscimento del Consorzio da parte del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali per Tutela e Promozione e Valorizzazione della zona specifica Chianti Colli Fiorentini.

 

Il Vino

Il Chianti Colli Fiorentini mostra tutte le carte in regola per essere un vino "moderno", nel senso di adeguato alle richieste più attuali.

Colori brillanti, profumi freschi e grande equilibrio


Corpo mai eccessivo, uso del legno assai moderato se non addirittura inesistente nella tipologia annata, colori brillanti, profumi freschi e grande equilibrio: queste le caratteristiche più evidenti dei Chianti Colli Fiorentini, pur con tutte le differenze dovute alle singole zone, alle diversità dei terreni, ai vari microclimi e alla personale interpretazione di ogni singola azienda.

Un vino che al Sangiovese, vitigno principe della denominazione, sposa altri vitigni autoctoni toscani, a partire dal Canaiolo e dal Colorino, proprio a dimostrazione di una coerenza che accomuna tutti i produttori.

Per quanto si possa riconoscere all´interno del panorama produttivo dei Colli Fiorentini un´anima più classica e una più moderna, questo vino parla una lingua assolutamente toscana, che si declina in diverse sfumature e interpretazioni, ma che non perde mai di vista la propria origine e la personalità del Sangiovese.

A tutela e valorizzazione della denominazione di origine, nel 1994 è nato il Consorzio Chianti Colli Fiorentini, che riunisce diverse cantine che rappresentano la quasi totalità della produzione. Il marchio del Consorzio è il leone che si trova sulla torre di Palazzo della Signoria, a sottolineare l´antico e profondo legame tra il vino e Firenze, tra una città unica e un vino inimitabile.